Opel

Rüsselsheim. Opel Corsa GS Line è stata presentata in anteprima al Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte. Anche la sua famosa antenata, la leggendaria Opel Corsa A GSi, debuttò al Salone esattamente 32 anni fa. La prima generazione della piccola sportiva non ha perso nulla del suo fascino. La nuova Corsa GS Line e la Corsa A GSi – una coppia divertentissima.

Grand Sport a iniezione: passione a quattro ruote

GSi, l’abbreviazione utilizzata da Opel per "Grand Sport injection" (precedentemente GT/E), indica i modelli particolarmente sportivi con il logo del Fulmine dagli anni Ottanta e significa pura passione. La Kadett E GSi e la Manta GSi furono seguite nel 1988 da una piccola particolarmente atletica, la Opel Corsa GSi. Un’automobile dinamica come una motocicletta: supercompatta, del peso di soli 820 chilogrammi, con passaruota pronunciati, sedili sportivi, 100 CV e una velocità massima di ben 188 km/h. L’ambizione di Opel è sempre stata quella di mettere a disposizione di tutti le innovazioni e una guida coinvolgente, e la Casa ha rispettato questo impegno nel corso di tutta la sua storia. Il miglior esempio è la discendente della Corsa A GSi, la nuova Corsa GS Line. Le origini genetiche della nuova vettura risultano ovvie al primo sguardo. Proprio come la GSi degli anni Ottanta, la nuova Corsa GS Line ha la carrozzeria rossa e il tetto nero, colori che non lasciano alcun dubbio circa la sportività della vettura.

Incontro tra generazioni: la Corsa A e la nuova Corsa GS Line per gli appassionati di vetture sportive

La sesta generazione di Corsa è stata studiata fin nei minimi dettagli per garantire la massima efficienza ed è più moderna e dinamica che mai. Gli appassionati di modelli sportivi potranno soddisfare i loro desideri con la versione GS Line. Con un aspetto così dinamico, la Corsa GS Line non passa certo inosservata, proprio come la Corsa GSi.

Il motore 1.6 litri a iniezione sviluppato nel 1988 permetteva alla versione sportiva della prima generazione di Corsa di passare da 0 a 100 km/h in circa 9,5 secondi. Con una potente coppia ai bassi regimi, questa vettura ha sempre prodotto un sorriso sul volto di chi la guidava al momento di premere sull’acceleratore. Per trasferire su strada queste prestazioni superiori e tutta l’agilità della vettura, gli ingegneri Opel adattarono il telaio e i freni di Corsa alle specifiche della GSi. Tra le caratteristiche peculiari della vettura vi erano molle più rigide, una diversa taratura degli ammortizzatori e freni anteriori a disco ventilati internamente e di dimensioni maggiori. Le barre stabilizzatrici anteriori e posteriori assicuravano la migliore tenuta di strada in curva.

E che dire della vettura di oggi? Anche la nuova Corsa GS Line è dotata di tecnologie all’avanguardia, come il motore turbo 1.2 litri da 96 kW/130 CV con cambio automatico a 8 velocità. Grazie al motore benzina top di gamma, Corsa raggiunge una velocità di ben 208 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 8,7 secondi (consumo di carburante nel ciclo NEDC1: ciclo urbano 5,5-5,4 l/100 km, ciclo extraurbano 4,2-4,0 l/100 km, ciclo misto 4,7-4,5 l/100 km, emissioni di CO2 pari a 106-103 g/km; consumo di carburante nel ciclo WLTP2: ciclo misto 6,0-5,6 l/100 km, emissioni di CO2 pari a 136-128 g/km, dati preliminari). Il motore genera una coppia massima di ben 230 Nm. Una guida coinvolgente è assicurata!

Sportività pura, dentro e fuori

Un elemento fondamentale dell’abitacolo allora (con la Corsa GSi) e oggi (con la nuova Corsa GS Line): i sedili sportivi sono di serie. Il contagiri e gli altri strumenti come l’indicatore della pressione dell’olio e il voltmetro consentivano a chi guidava Corsa GSi di disporre di dati importanti. Con i cerchi sportivi e i larghi pneumatici, la Corsa GSi dimostrava di sentirsi a proprio agio nel normale traffico stradale ma anche sul Nürburgring, proprio come la nuova Corsa GS Line. Disponibile a partire da 18.150 euro (prezzo chiavi in mano in Italia), la nuova vettura è riconoscibile al primo sguardo per il terminale di scarico cromato e i paraurti sportivi anteriori e posteriori. La modalità Sport garantisce una risposta ancora più dinamica di sterzo e motore.

Nel 1993, alla fine della produzione, dalla linea di assemblaggio erano uscite più di 10.000 Corsa GSi della prima generazione. E la Corsa B GSi era già pronta ai blocchi di partenza per continuare il successo della vettura negli anni Novanta.

GSi in tutti i segmenti: dalla versione sportiva di Corsa alla Insignia GSi

La Corsa B GSi 16V si distingueva per i 109 CV e la potente “coppia ai bassi regimi”. Poi arrivò la Corsa C GSi da 125 CV con una velocità massima di 202 km/h, e dal 2007 la Corsa D GSi montò per la prima volta un motore turbo (1.6 litri) da 150 CV. La tradizione della GSi nel segmento delle piccole continuò con la quinta generazione di Opel Corsa nel 2018. Il turbo benzina 1.4 litri produce 110 kW/150 CV. Questa sportiva tascabile accelera da 0 a 100 km/h in 8,9 secondi e raggiunge una velocità massima di 207 km/h.

Ma un anno prima, nel 2017, Opel aveva già presentato delle grandi novità al pubblico del Salone di Francoforte, con l’anteprima mondiale della Opel Insignia GSi. Con l’Insignia più sportiva in versione berlina Grand Sport e Sports Tourer, allo stand Opel era presente una coppia davvero dinamica. Ancora una volta, il marchio del fulmine presentava un modello sportivo con trazione integrale. Insignia GSi ha infatti la trazione integrale con torque vectoring per una maggiore precisione di guida e una superiore accelerazione laterale. Insignia GSi debuttò con un motore turbo 2.0 da 191 kW/260 CV, seguito poco dopo da un efficiente turbo diesel. La BiTurbo 2.0 litri genera 154 kW/210 CV e ha una coppia massima di 480 Nm (consumo di carburante nel ciclo NEDC1: ciclo urbano 9,6 l/100 km, ciclo extraurbano 5,7-5,6 l/100 km, ciclo misto 7,1 l/100 km, emissioni di CO2 nel ciclo misto pari a 187 g/km; consumo di carburante nel ciclo WLTP2: ciclo misto 7,9-7,5 l/100 km, emissioni di CO2 pari a 206-195 g/km). Questo motore permette a Opel Insignia GSi Grand Sport di raggiungere una velocità di 233 km/h e alla Sports Tourer di toccare i 231 km/h. Opel offre così il piacere di guida tipico delle GSi dal segmento delle piccole fino alla propria ammiraglia.

 


[1] I dati relativi ai consumi di carburante e alle emissioni di CO2 sono preliminari e sono calcolati utilizzando la procedura di test WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test Procedure), e i dati WLTP sono convertiti in valori NEDC a fini comparativi, ai sensi dei regolamenti R (CE) 715/2007, R (UE) 2017/1153 e R (UE) 2017/1151. Il motore è a norma Euro6d-Temp.

[2] Consumi ed emissioni di CO2 sono preliminari e sono misurati secondo il ciclo WLTP (Regolamento UE 2017/948). Dal 1 settembre 2018 i nuovi modelli sono omologati usando la procedura World Harmonised Light Vehicle Test Procedure (WLTP), che è più vicina alla realtà dal punto di vista dei consumi e delle emissioni di CO2. Il ciclo WLTP sostituisce completamente il New European Drive Cycle (NEDC), che costituiva il precedente ciclo di omologazione. Per effetto delle condizioni di test più realistiche, i consumi e le emissioni di CO2 misurati con il ciclo WLTP sono in molti casi maggiori rispetto ai valori misurati nel ciclo NEDC.